lunedì 3 ottobre 2011

La regina dei boschi.



Son frutto gustosa
ho il riccio spinoso.
La buccia ho moretta
son dolce e duretta.
Se in acqua son cotta
mi chiamo bollotta:
se al fuoco son posta
io son caldarrosta.
Io vivo in montagna
e mi chiamo ....
castagna!

da "raccogli idee" ed. tresei scuola



.....fra le foglie si nasconde
e le altre stanno all'erta
cade il riccio dalle fronde
ride e resta a .....
bocca aperta!!!






L'autunno ha bussato...i suoi frutti ha regalato....





Con il mio terzo occhio ho immortalato questo bellissimo castano e ne ho raccolto anche i frutti .....adesso tocca a Voi!!!...
....liberate la fantasia....tra tutti coloro che lasceranno  simpatici commenti a tema (filastrocca, citazione, poesia, ricetta, detti, proverbi ect) un/a fortunato/a sarà ricompensato/a con un piccolo regalino.
Si può partecipare illimitatamente sino alle ore 12.00 di giovedì 6 ottobre

150 commenti:

  1. post meraviglioso .... troppo bello il cubo che ruotra ottimo effetto brava come sempre .... condivido le tue parole la casta per me è fonte di ricordi infantili .... sempre piacevoli

    RispondiElimina
  2. Buongiorno! Non vedo l'ora di fare una scorpacciata di castagne!!! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Presa dal web però :D
    La castagna cicciottella
    si lamenta che sta stretta
    dentro al riccio poverella
    e di uscire ha una gran fretta
    Quando è autunno inoltrato
    con compagne e le sorelle
    fa un bel salto giù nel prato
    divertentendosi a crepapelle
    Fra le foglie si nasconde
    e le altre stanno all'erta
    cade il riccio dalle fronde
    ride e resta a...bocca aperta!
    Ma per poco durò il giochino
    le raccolsero in un cestino
    e la castagna cicciottella
    si trovò in una padella.

    RispondiElimina
  4. Bella la poesia da ovunque venga.
    Ricordo quante volte da bambino che andavo dai nonni ne Montello a cercare le castagne le mie dita erano sempre doloranti perché bucate delle spine da questi ricce tanto spinosi.
    Buona settimana cara Simona.
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. E' sempre un piacere leggere i tuoi post,ma questa volta io passo...
    Da noi, in Sicilia, a due passi dal mare, che cos'è l'autunno, se non una lunghissima ed esasperante coda dell'estate, in attesa dell'inverno?
    C'è caldo, abbastanza per sudare a scuola e in ufficio; il mare è di una calma assordante, ma le spiagge sono quasi deserte e così tristi dopo il chiacchiericcio dell'estate!
    Le foglie? Sono tutte attaccate agli alberi e ancora verdi; i frutti tipici di questa stagione? Ridotti al minimo.
    Non mi piace l'autunno, non mi è mai piaciuto, se non per il fatto che, finalmente, non c'è più bisogno di accendere il condizionatore!
    Un bacione!!!!

    RispondiElimina
  6. Son rotonda e piccoletta
    ho la veste spinosina,
    nella buccia mia brunetta
    è assai dolce la farina,
    scendo giù dalla montagna
    e mi chiamo la castagna.

    questa è quella che hanno imparato i miei bimbetti a scuola..hihiihih ti piace?buona giornata un bacione

    RispondiElimina
  7. sono piccolina, tozza ma carina sei mi cogli son peperina ma se mi mangi son divina.
    Io non sono brava a inventare filastrocche o poesie ma questa è tutta farina del mio sacco. ciao e complimenti per le foto e la grafica, è sempre bello venire a trovarti e dopo una giornata con i nipotini ci vuole un attimo di relax

    RispondiElimina
  8. "Me gustas la castagna, me gustas tu.." (Manu Chau)
    Bello il tuo post, come sempre, hai aggiunto anche unb ell'effetto in quello schermo!!!
    Buon inizio settimana e grazie per le tue visite e i tuoi pensieri premurosi... io purtroppo non ho mai abbastanza tempo da dedicare al web, ma l'affetto per te e per tanti altri che ho incontrato e a cui mi sono legata è sincero!!

    RispondiElimina
  9. Ricordo che da ragazza ci si trovava con gli amici per andare a raccogliere castagne. Alla fine si scopriva che era una scusante per stare insieme in allegria. Bacio

    RispondiElimina
  10. Un modo simpatico per aprire la settimana e dare il benvenuto all'autunno che con le sue succose castagne addolcisce l'aria profumandola... :-)
    Ciao Simo cara un abbraccio per un buon inizio settimana... bacino!!!

    RispondiElimina
  11. Simoooooo buon inizio settimana!

    Nanneddu meu
    « Affamati noi stiamo mangiando
    pane di castagne e terra con ghiande
    terra come il fango, ridiventa il povero
    senza cibo, senza ricovero.»
    (Peppino Mereu)

    Bollite, arrosite, seccate,marron glaches voi...siete tutte per me!
    Elisena

    RispondiElimina
  12. La seconda foto è eccezionaleeeeeeee, bravissima.

    RispondiElimina
  13. Grazie Monia per tutti gli apprezzamenti e sono contenta di aver fatto riaffiorare piacevoli ricordi. Un abbraccio

    RispondiElimina
  14. Tamyca, prendi un pomeriggio di ferie e organizziamoci....ciao!

    RispondiElimina
  15. Che furbetta...!!!! Buona fortuna e poi sempre ritentare. A presto Tamyca!!

    RispondiElimina
  16. Tomaso....però la gioia e il divertimento era infinito, vero? Buona settimana caro amico

    RispondiElimina
  17. Antonella, nelle tue parole leggo un velo di stanchezza.....accomodati qui da me e rilassati. Bacione cara!

    RispondiElimina
  18. Tina e io che mi ero immaginata una bella ricettina......mi accontenti? ciao e castagnoso giorno

    RispondiElimina
  19. Primula, ma che carina.....con le castagne anche tu dai i frutti....ciao e buona giornata!

    RispondiElimina
  20. Rita, anche se lontano ti sento vicino e quelle poche parole significato tanto. Grazie e un abbraccio affettuoso!

    RispondiElimina
  21. L'allegria e l'amicizia che belle emozioni!...peccato che ogni giorno questi sentimenti sono sempre più difficili da coltivare. Ciao Farfalla leggera e grazie della tua presenza, ti soffio un bacio

    RispondiElimina
  22. Il lunedì è spesso momento di gioia ma anche di tristezza perchè non rendere questa nuova settimana all'insegna dell'amicizia e della condivisione....ti abbraccio Paola!

    RispondiElimina
  23. Che bei colori, mi sembra di sentire anche il profumo. Adoro l'autunno Belle foto bravissima.

    RispondiElimina
  24. Elisena, sei sempre piena di sorprese!..sono andata a ricercare la canzone . Bella la musica ma difficile per me comprendere le parole
    Ciao e grazie castagnetta bella!

    RispondiElimina
  25. Laura, con questo tuo complimento mi hai fatto girar la testa .....speriamo di non cascare sui ricci! Ciao e grazie

    RispondiElimina
  26. Grazie Brusa!...che ne dici di lasciarti trasportare e liberare le tue emozioni? Potresti intervenire con un tuo click....ciao e buon appetito

    RispondiElimina
  27. Come si fa a liberare la fantasia...guardando queste foto ne resto ammaliata! ciao e complimenti...ci penserò

    RispondiElimina
  28. Ciao Simo, che giochino interessante :))
    Il castagno è "l'albero del pane", una pianta generosa che ha sfamato generazioni di "montanari".
    Io vado sull'artistico...c'è un castagno in sicilia che è l'albero più vecchio d'Italia, dicono che abbia tremila anni, ed è chiamato "il castagno dei 100 cavalli" perchè 100 cavalieri riuscirono a riparsi sotto le sue fronde durante un temporale.
    E c'è un quadro del 700 dipinto dal pittore francese Jean Pierre Houel che lo ritrae in tutta la sua imponenza! Ciao

    RispondiElimina
  29. Che bel post! molto autunnale! le castagne sono i miei frutti autunnali preferiti e qui sono fotografati in modo meraviglioso!
    A presto...Sibilla

    RispondiElimina
  30. Bellissime, adoro i boschi di castagni e sono ghiotta anche di castagne, ne mangerei moltissime ma..non posso!! Un abbraccio, a presto!
    Carmen

    RispondiElimina
  31. Boschi, castagne, odore di muschio.
    Osservo gli alberi illuminati dal pallido sole
    cammino leggiadra sul morbido tappeto di foglie.
    Respiro il sapore dell'autunno.

    baci e complimenti per tutto.
    sabrina

    RispondiElimina
  32. Non serve inventare delle poesie perchè lo sono già i tuoi scatti. Complimenti

    RispondiElimina
  33. Mia mamma diceva che con l'arrivo dell'autunno e delle castagne cadevano i capelli.
    Vedo che anche tu sei bravissima con le foto. Mi piace molto il cubo.
    A presto.

    RispondiElimina
  34. "Questa è la filastrocca della castagna,
    che entra di bocca in bocca dalla montagna.
    La castagna non si bagna
    quando piove su in montagna;
    nel suo riccio imbacuccata
    al riparo se ne sta.
    Quando poi fa capolino,
    il momento è ormai vicino,
    la stagione è incominciata
    e in un sacco finirà."

    Adriano, 4 anni

    La slide è una delizia per gli occhi, complimenti Simo.

    RispondiElimina
  35. CIAO!!! sul mio blog c'è un post che parla di te :-)
    il link è http://donydarte.blogspot.com/2011/10/sorpresa.html

    Se mi invii il tuo indirizzo nei prossimi giorni riceverai il regalino :-)
    un abbraccio e a presto :-)
    Dony

    RispondiElimina
  36. Ti ringrazio Carla!..guarda le foto quanto vuoi chissà che non ti suggeriscono loro una frase ....un bacio e aspetto....

    RispondiElimina
  37. Ernestina che notizia interessante!...ora mi hai messo tanta curiosità...perchè non lo documenti sarebbe carino
    Un abbraccio e grazie

    RispondiElimina
  38. Sibilla, scommetto che durante le tue prossime scampagnate andrai alla ricerca di castagne.....Un abbraccio e c'è ancora tempo per partecipare, pensaci. Ciao e bacino

    RispondiElimina
  39. Carmen, è sempre così quando ci piace tanto qualcosa non possiamo mai mangiarla
    Beh limitiamoci a gustarle con gli occhi! ciao

    RispondiElimina
  40. Sabrina....meraviglioso questo tuo inno alla natura! Brava e buona fortuna! ciao ciao

    RispondiElimina
  41. Mi inchino Maria Luisa! Grazie, grazie, grazie!!!!

    RispondiElimina
  42. Erika, vuoi dire che con il cambio di stagione anche i nostri capelli si rifanno il vestitino? Ciao e grazie per il contributo e i complimenti!

    RispondiElimina
  43. Gianna, ma è la filastrocca di uno dei tuoi ex alunni? Molto carina complimenti ad Adriano che ora di anni ne avrà di più.....
    Felice che ti sia piaciuto lo slide con il cubo
    Buona serata!

    RispondiElimina
  44. Ci sono appena stata Dony, grazie di cuore.
    Ti aspetto per il giochino....ciao e baci

    RispondiElimina
  45. ciao....che bel post autunnale... davvero molto bello...ciao..un sorriso..luigina

    RispondiElimina
  46. Perchè il frutto della castagna si apre a croce?
    Un'antica leggenda narra di un piccolo paese di montagna i cui abitanti, molto poveri, non avendo
    di cui mangiare si rivolsero a Dio pregandolo di dar loro di cui sfamarsi.
    Il buon Dio, sentite le loro preghiere, diede loro una pianta da cui poter raccogliere frutti nutrienti da poter mangiare: il castagno, ma il Diavolo visto quello che Dio aveva fatto per impedire che la gente potesse raccogliere i frutti, li avvolse in un guscio spinoso. Gli abitanti del piccolo paese, presi dallo sconforto, ritornarono nuovamente a pregare Dio ed egli, sceso in mezzo a loro fece il segno della croce e i gusci spinosi, come per miracolo si aprirono, e da quel giorno quando è periodo i frutti di questa pianta si aprirono a croce.

    RispondiElimina
  47. ahahahahahah io ne ho due in casa a tempo pieno, uno si chiama Andrea e uno Luca e di cognome????????? Castagna naturalmente

    Baci
    Ros

    RispondiElimina
  48. Semplicemente Grazie.
    Buona serata,
    Ele

    RispondiElimina
  49. Ciao Simo,bello il post,adoro l'autunno e le sue meraviglie,serena serata.
    Un bacio ♥

    RispondiElimina
  50. ciao Simona
    belle le tue foto,hai talento!
    Lascio ad altri il divertimento di creare....in questo periodo non ho proprio la testa.
    Buona serata

    RispondiElimina
  51. ti propongo una ricetta che mi ricorda l'infanzia.
    In toscana si chiama "migliaccio",fatto con la farina di castagne.
    Occorrenti: farina, acqua,pinoli o mandorle,un pizzico di sale.
    Si unisce alla farina acqua tiepida quanto basta per ottenere un impasto fluido e un pizzico di sale.
    Si versa il composto in una teglia da forno abbastanza larga dove si mettono un po' di olio e rosmarino,quando l'olio è ben caldo. Sul fuoco vivo si fa rapprendere per qualche minuto e si uniscono i pinoli,poi si mette nel forno caldo e si toglie quando si è formata una crosta croccante.
    Unico rammarico,non trovo mai la farina di castagne,in sicilia non è molto commercializzata.
    buona serata

    RispondiElimina
  52. Grazie Luigina, buona serata autunnale

    RispondiElimina
  53. Marina, grazie per questo tuo intervento...è una leggenda molto interessante.Un bacio e il caffè te lo sei meritata

    RispondiElimina
  54. e brava Rosalba!...divertente e un saluto ai tuoi Castagna *___*

    RispondiElimina
  55. Ele, per un'amica questo e altro! Ci sentiamo presto, un bacio e tranquilla...d'accordo? ciao

    RispondiElimina
  56. Massimo, l'autunno è una stagione dai caldi colori! Un abbraccio e grazie per la tua gentilezza

    RispondiElimina
  57. Grazie Lu, sei molto gentile....ma non deve essere per forza una creazione attuale....ciao e felice serata

    RispondiElimina
  58. Ciao Gabe, grazie per il suggerimento. Buona serata e nei prossimi tuoi viaggi fanne una buona scorta. Un sorriso

    RispondiElimina
  59. ciao Simo grazie dell'invito.....come avrai visto anch'io ho dedicato il post all'autunno e ai suoi frutti:le castagne...buonissime
    io ti scrivo la mia semplicissima riceta di come li gustiamo
    allora metterle a cuocere nella caldarroste dopo averle tagliate a croce con coltello e spolverizzate con un pò di sale
    farle abbrustolire e servirle ancora calde
    il divertimento...riuscirle a sbucciare calde perchè una volta fredde è impossibile....
    il problema è che scottano!!!!

    RispondiElimina
  60. Provo a dare il mio contributo, adoro l'autunno, devo partecipare per forza :)

    Foglie gialle

    Ma dove ve ne andate,
    povere foglie gialle
    come farfalle
    spensierate?
    Venite da lontano o da vicino
    da un bosco o da un giardino?
    E non sentite la malinconia
    del vento stesso che vi porta via?
    (Trilussa)

    RispondiElimina
  61. Grazie Marci, non sapevo il trucco di spolverizzare con sale....proverò senz'altro
    Ciao e felice serata

    RispondiElimina
  62. Grazie Bruna, chissà se il vento ti porterà bene....nel frattempo ti soffio un bacino

    RispondiElimina
  63. Sono di media statura,ho i capelli ricci e gli occhi di color castano;mi circondo sempre di amici,in particolare porcini e ovuli,che amo molto.In autunno regalo i miei frutti che sono raccolti da grandi e bambini e portate al caldo nei camini.Buona giornata Simo

    RispondiElimina
  64. Questo post è favoloso e il cubo è strepitoso,
    gira a destra e a sinistra, guarda il alto e poi in basso ma un riccio non acchiappo...uffa!... sbuffo, mi riposo e mi trovo un gran tesoro:una tazza di bianco latte con castagne appena fatte!
    Ti è piaciuta? Ammetto che mi hanno aiutato i miei nipoti.ciao

    RispondiElimina
  65. come amante della natura mi piace addentrarmi nei sentire e queste giornate sono ideale per raccogliere castagne. conosci questi due detti?
    "San Simon, castagne e vin bon"
    "San Martin, castagne e vin"
    ciao allora io porte le castagne e tu il vino?!?!?!

    RispondiElimina
  66. Se penso alla castagna,immagino un bosco,sento odori di foglie!Laggiu' vedo una lucetta,c'è una casetta e dal comignolo esce un fumo grigio.Mi avvicino alla finestra adornata di pigne e ciclamini e vedo tanti folletti,tutti intorno al camino!Sul tavolo,qualche bicchiere di vino e cesti di caldarroste!L'inverno è vicino...mi sento contenta come un bambino!Questa è la casetta della felicità,....resto quà,...resto a sognar!Rosetta

    RispondiElimina
  67. per ora ti dico solo a me piace la bollotta.
    ciao.

    RispondiElimina
  68. Ciao,
    quetsa poesia non è mia. L'ho trovata su questo sito:

    http://www.fantasiaweb.it/poesieaUTUNNO.asp#FoglieAutunninaBambini

    LA CASTAGNA (Inviata dall'Ins. Giusy)

    C’è un frutto rotondetto,

    di farina ne ha un sacchetto;

    se lo mangi non si lagna,

    questo frutto è la …….. castagna.

    Ciao!
    Ah!Ti va di partecipare al mio 2 blog candy?!

    RispondiElimina
  69. Grazie mille dell'invito,
    ed io, l'ho assai gradito,
    la castagna che mi piace,
    mi rende poi audace!

    Di passar, sola soletta,
    e nessuno se l'aspetta,
    che io dica alla mia Simo,
    quanto poi, io la stimo!

    Del suo semplice giochino,
    mi fa fare capolino!
    Una persona, assai bella,
    il cui animo saltella!

    Fra i pensieri dell'amore,
    perchè lei, ha si un gran cuore!
    Ed io l'ammiro proprio tanto,
    e non me ne faccio un vanto!

    I complimenti a lei vanno,
    e che valgan tutto l'anno!
    Io ti abbraccio con affetto
    e ti porgo il mio rispetto!

    Grazie cara! ... scritta da me per te di getto ... (semplice lo so), ma tu sei troppo simpatica, bell'idea hai avuto!CIaooo e grazie!

    RispondiElimina
  70. una ricetta e due curiosità per questo frutto così versatile e gustoso:
    Frittelle di castagne

    Setacciate la farina dolce di castagne e ponetela in una terrina con un pizzico di sale, limone grattugiato e zucchero, quindi poca alla volta aggiungete acqua e un po' di lievito in modo da ottenere una pasta morbida. Mettete al fuoco una padella con olio e cominciate a cuocere le frittelle versando l'impasto un cucchiaio alla volta. Spolverate di zucchero e servite.

    A piacere potete aggiungere all’impasto uva sultanina e pinoli.

    - Quattro gocce di fiore, quattro volte al dì. Il fiore verde/giallo del castagno, che sboccia all'inizio dell'estate, secondo la fitoterapia di Bach aiuta a rinascere. Si chiama Sweet Chestnut ed è efficace, se ci si crede, soprattutto per restituire la speranza nei momenti di sconforto.

    - Un bagno di ricci. Si può rinforzare lo scheletro e curare i reumatismi facendo bollire in due litri di acqua due manciate di foglie fresche di castagno e una decina di ricci, per venti minuti. Aggiungete il tutto nell'acqua della vasca, facendo questo bagno almeno due volte alla settimana

    RispondiElimina
  71. "La castagna marroncina
    non mi punge stamattina!
    E' sgusciata dal suo letto
    caldo caldo e pelosetto.
    Ora salta nel camino
    e sorride il mio bambino". S.M.

    P.S.: speriamo venga il tempo giusto per questo meraviglioso frutto.

    RispondiElimina
  72. Che foto meravigliose!!!già sento il profumo di caldarroste per le strade!!! E' davvero la regina del bosco, per non parlare di quello che costa comprarne un sacchetto, praticamente come acquistare un diadema regale!

    RispondiElimina
  73. le castagne mi piacciono un sacco..sia l'aspetto che il gusto!
    stanotte penso a una poesia..spero di avere l'ispirazione per giovedì! un bacio, buona notte e buon inizio settimana

    RispondiElimina
  74. Hai costruito un incanto fatato! E mi sento per un po' ancora bambino ...

    RispondiElimina
  75. Passo per un saluto e un abbraccio. E ammiro le tue bellissime foto.

    RispondiElimina
  76. tesoro non ti prometto niente..ma spero di farcela entro il 6..un pò di tempo in più potevi concedercelo..hihihihi notte un bacione

    RispondiElimina
  77. Felice e sereno giorno Erborista, grazie per il naturale pensiero

    RispondiElimina
  78. Nonnalui è molto simpatica, fai tanti complimenti ai tuoi tesorini. Un grande sorriso

    RispondiElimina
  79. Roberto, castagne e vino?...ma poi non devi metterti al volante...ehhhh
    ciao e buona giornata!

    RispondiElimina
  80. Rosetta, che romantico pensiero...grazie a te ora sente anch'io quei profumi e la dolce atmosfera di casa
    Bacio

    RispondiElimina
  81. Micia, a me piace sia la bollotta ma anche la caldarrosta. Buon martedì!

    RispondiElimina
  82. Ciao Francesca, hai scovato una piccola simpatica poesiola. Grazie e passerò a conoscere le regole del tuo candy....a presto!

    RispondiElimina
  83. Un getto geniale Stefania.....sono rimasta di stucco!!! Un abbraccio e un *____* e scaldiamoci al camino.

    RispondiElimina
  84. Miglior vittoria è saper recuperare una castagna dal riccio ancora schiuso senza lasciarsi tramortire.
    Felice nuovo giorno cara Simo.
    Oggi volo alto mia cara... Ci rivediamo fra un paio di gg.
    Un abbraccio
    ele

    RispondiElimina
  85. Adriana, grazie di tutto! Molto interessante le due curiosità.
    Buona giornata e dovrò ritornare da Mister Castagno....

    RispondiElimina
  86. Sandra, ...dicono che la settembrina sia la migliore!!! Buona giornata e mille grazie della scorrevole lirica
    Un saluto bianco latte con castagne appena fatte!!!

    RispondiElimina
  87. Paola, se vuoi potrei consegnartene un sacchetto...passa a ritirarle! Un abbraccio e sereno giorno regina dei ricami

    RispondiElimina
  88. Cara Fatine la notte vi ha portato consiglio? Buona giornata e a presto!

    RispondiElimina
  89. Adriano, è solo merito della natura!...basta stare in silenzio ad ascoltare ed ammirare con gli occhi dell'innocenza....Buona giornata!

    RispondiElimina
  90. Ambra, un saluto anche a Te e un grazie per la piacevole visita. ciao e sereno giorno

    RispondiElimina
  91. Tina, il tempo è prezioso.....un bacio e a presto!

    RispondiElimina
  92. Ciao Simo, disto che il mio commento l'ho preso dalla rete, e, mi piaceva moltissimo, posso farne un post solo con la leggenda?
    Baci e buon inizio di giornata con un caffettino!!

    RispondiElimina
  93. Sereno giornata a te, cara Amica! Vola alto e guarda in basso.....Un abbraccio e a risentirci presto! Bacini

    RispondiElimina
  94. Buongiorno tesoro!!buona giornata un bacione

    RispondiElimina
  95. Ma certo Mary!...fai pure e se ti servissero anche le foto serviti pure...occhio a non pungerti!!! Un caffè è ideale, arrivoooooo

    RispondiElimina
  96. Buongiorno Tina, già ai fornelli? Bacino

    RispondiElimina
  97. ciao Simo buona giornata
    Quando ero piccola mia mamma mi preparava sempre un piatto "spettacolare" e buonissimo.
    Faceva lessare le castagne secche nel latte e poi si mangivano...la busechina si chiamava ...non ho mai più mangiato castagne così buone.
    Buona giornata cara amica
    Bacione
    Pinuccia

    RispondiElimina
  98. Pinuccia, le ricette della mamma sono sempre le più buone....
    Anche a me piacciono con il latte ma di solito li facciamo bollire nell'acqua e poi dopo averle scolate si fa scaldare il latte unendovi poi le castagne
    Ciao e complimenti ancora per il tuo angioletto

    RispondiElimina
  99. O castagne mie
    Siete nate in un riccio pieno
    di allegrie,
    Siete gemelle,
    e molto belle,
    siete buone e gustosone
    e nel forno fate un figurone.
    Ciaooooooooooooooooooooooooooo

    RispondiElimina
  100. ..devo ripassare con la Poesia...però la devo trovare ....ce l'ho da qualche parte.... non so dove ma ....ce l'ho !!!!!:)))))))))
    ciaoooo Vania

    RispondiElimina
  101. Un passaggio per augurarti una serena giornata :)
    Gio'
    http://remenberphoto.blogspot.com/

    RispondiElimina
  102. Grazie dell'invito...davvero carina questa iniziativa...

    Mia nonna mi dice che la castagna è il "pane dei poveri".
    Inoltre, so che nel Parco dell'Etna nel comune di Sant'Alfio (CT) esiste "Il Castagno dei Cento Cavalli", un albero di castagno plurimillenario. Considerato come il più famoso d'Italia, è stato studiato e visitato da molti personaggi illustri. Prenderebbe il nome dalla leggenda di una misteriosa regina e di cento cavalieri con i loro destrieri, che, si narra, vi trovarono riparo da un temporale.
    Infatti è uno dei luoghi che voglio visitare in vita mia...

    http://www.prolocosantalfio.it/ilcastagno100cavavalli.htm


    Un abbraccio

    RispondiElimina
  103. Licia, molto caruccia. Ciao e bacino

    RispondiElimina
  104. Gli scritti di Rodari sono sempre piacevoli e la protagonista ha gradito moltissimo...quanto è allegra! ciao Paty e grazie per tutto, baci e fusa compresi e contraccambiati

    RispondiElimina
  105. Vania...passa quando vuoi la mia porta è sempre aperta! Un caro arrivederci e non tenermi tanto sulle spine....

    RispondiElimina
  106. Dual....la serenità nasce dal cuore e si propaga con tanta umiltà d'animo! Serena giornata a tutti i miei seguitori

    RispondiElimina
  107. Lena, ma è la stessa leggenda che ha lasciato Ernestina...pensa che io ne ero all'oscuro....spettacolare l'imponente castagno
    Grazie di cuore per questa visione
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  108. Un'invito speciale alle gioie della natura! Grazie cara Simo,è una delizia venire da te!
    Immagini e parole che richiamano l'infanzia,quando ci si riuniva vicino al focolare per arrostire quelle castagne uscite dal guscio e sentirne il delizioso gusto e l'allegro scoppiettare.....
    Ti abbraccio
    Luci@

    RispondiElimina
  109. CIAO SIMO!!!LE FOTO SONO MOLTO BELLE....MA LA CASTAGNA è UN FRUTTO CHE MI PIACE POCO....PERò NON PER QUESTO NON PARTECIPO!!!! IL MIO NON è ESATTAMENTE UNA FILASTROCCA MA UN INDOVINELLO......ALLORA...


    SON DURA,TONDETTA
    COLOR CAFFè...
    STO CHIUSA IN UN RICCIO
    MA NON PER CAPRICCIO....
    MI TROVO IN MONTAGNA
    MI CHIAMO......CASTAGNA!!!!

    SPERO TI SIA PIACIUTO,BACIONI ...LAURA

    RispondiElimina
  110. Vien l'autunno sospirando,
    sospirando alla tua porta:
    sai tu dirmi che ti porta?
    Un cestino di castagne
    dono gradito delle montagne.

    Mi stai riportando indietro nel tempo con le filastrocche!!!!!

    RispondiElimina
  111. Le castagne sono buone ma fanno ingrassare , per cui è meglio guardare le tue foto a volontà per togliermi lo sfizio a sazietà
    Come la trovi la mia rima? ciao e complimenti

    RispondiElimina
  112. Uh che roba difficila.....
    aspetta che ci penso un attimo...
    non sono brava a fare ste cose....
    allora allora vediamo: una ricettina va bene lo stesso? Proviamo:

    ARROSTO FARCITO CON CASTAGNE E TOPINAMBUR

    Ingredienti x 6 persone:
    2kg di coscia tagliata a libro
    200g topinambur
    200g castagne bollite oppure arrostite (sono più buone)
    4 tuorli
    200g parmigiano
    1kg patate tonde novelle
    800g cipollotti pelati
    6 carote
    4 cucchiai olio extravergine oliva
    5dl vino bianco fermo
    qualche rametto rosmarino
    sale e pepe qb

    Preriscaldare il forno a 200°. Lavare tutte le verdure e tagliare le carote a pezzetti, lavare i topinambur e sgusciare le castagne.
    Versare in una ciotola il parmigiano e le uova, pepare a piacere. Aprire la carne a libro, distribuire la farcitura di parmigiano, i topinambur e le castagne, arrotolare e fermare l'arrosto con uno spago da cucina.
    Versare in una padella 4 cucchiai di olio, depositarvi la carne e ungerla da tutti i lati, disponendo intorno le patatelle, le carote e i cipollotti. Aggiungere il rosmarino e rosolare l'arrosto su tutta la superficie, poi bagnare con 3 bicchieri di vino e infornare. Eventualmente in cottura aggiungere del vino...se necessario. Dopo circa 90 minuti, controllare la cottura con uno stecchino, se sarà morbido, toglierlo dal forno, altrimenti cuocere ancora 20 min.Una volta cotto, fare raffreddare un po', togliere lo spago e affettarlo.
    Servire la carne con le verdure e irrorare col fondo di cottura :)
    Gnam che buono.....
    Ciao buon appetito :)
    Iva

    RispondiElimina
  113. Non vedo l'ora di gustare le prime caldarroste, slurp! :P

    RispondiElimina
  114. Lucia, un'infanzia felice!...pensa che bello poter rivivere queste belle emozioni ma la vita frenetica e intensa sta privandoci sempre più
    Buona serata!

    RispondiElimina
  115. Grazioso indovinello, ciao e grazie Laura. bacino

    RispondiElimina
  116. Licia, grazie per la tua gentile e simpatica partecipazione....sempre pronta per conoscere altri ricordi
    Bacio extra!

    RispondiElimina
  117. Ahhhhh! e brava Albertina! un sorriso

    RispondiElimina
  118. Iva, ma che è il topinambur? dovrò documentarmi....grazie per la ricetta, chi sarà la prima a metterla sul fuoco? ciao ciao

    RispondiElimina
  119. Ho intenzione di farle domani...se vuoi assaggiarle ti aspetto! ciao Chiara!!!

    RispondiElimina
  120. Buongiorno Simo, ancora una bella giornata è alle nostre porte, la iniziamo con un caffè insieme?
    Bacioni

    RispondiElimina
  121. Tina, felice giorno pure a Te! ciao cuoca stellata!!!

    RispondiElimina
  122. Mary, sono passata da te ma non ti ho trovato....ti ho lasciato un messaggino....e vada per il caffettino
    bacini

    RispondiElimina
  123. Ho organizzato per domenica prossima una bella escursione che mi vedrà impegnata nella raccolta di questo splendido frutto autunnale.
    Bella l'idea di ricordare la castagna con poesie e filastrocche!!!!!Complimenti!!!!!!

    RispondiElimina
  124. Buona castagnata e grazie della visita, ciao Elettra!

    RispondiElimina
  125. Ciao Simo! Questo mi era sfuggito..... sul fil di lana ti lascio un proverbio scovato or ora:
    “Ha cavato la castagna dal fuoco con la zampa del gatto”
    Povero gatto..... ma come ci pensano?
    Scusami tanto, ma non mi viene in tempo a far più nulla, mi dispiace non aver visto prima questo giochino, però son qua!
    Ti abbraccio, Lecoq

    RispondiElimina
  126. Ecco il mio contributo:

    E il vento d'Autunno
    soffia parole nuove
    mentre ingiallite foglie
    danzano alla sua brezza.

    Dondola la castagna spinosa
    e attende che,un folletto
    birichino staccandola da lì
    la faccia rotolar sul tuo cammino.

    Coglila, come un dono
    assaporala come il primo
    dei cibi che ti vien offerto
    e ringrazia il cielo, per tanta
    gentil magnificenza elargita.

    Magu. L'ago fatato di magu.blogspot.com

    RispondiElimina
  127. Bellissima iniziativa!!!
    Ecco il mio contributo:

    Castagne dorate,
    arrostite e profumate,
    le mani scaldate e
    calore e allegrie ci date.
    Che buone che siete,
    sul fuoco scoppiettante,
    con allegria, saltate e risaltate,
    buone da mangiare,
    prima sbucciate e
    poi in compagnia mangiate.
    Zicin

    RispondiElimina
  128. Ho colto il tuo invito ed ho messo le mani in pasta! Devo scattare le ultime foto, sistemare la ricetta e appena pubblicata ti lascio il link :) marò spero di farcela hi hi

    RispondiElimina
  129. Ricordo con nostalgia, quando da bimba andavo nel bosco a raccogliere le castagne con i miei, e tra una castagna e l'altra si trovavano anche i funghi......
    Adoro le castagne cotte in ogni modo....

    Ti propongo la ricetta dei 'gnocchi di castagne'
    che avevo messo anche sul blog
    http://ilcestinodeigomitoli.blogspot.com/2010/12/gnocchi-di-castagne.html

    1 kg di patate,
    150 g di farina bianca,
    150 g di farina di castagne,
    2 uova,
    sale
    Lessare le patate con la buccia; quando saranno cotte sbucciarle e passarle allo schiacciapatate.
    Lasciare intiepidire e poi aggiungere le due farine, le uova ed il sale.
    Impastare bene e preparare i gnocchi, passarli sul rovescio della grattugia, premendo con l’indice.
    Cuocere i gnocchi in acqua salata e quando vengono a galla sono pronti.
    Si possono condire con burro e parmigiano. pomodoro e basilico o con un sugo ai funghi........

    RispondiElimina
  130. ciao Lecoq, che piacere leggerti!..un proverbio sul filo di lama...grazie! stai all'erta perchè le occasioni sono sempre in agguato....bacino

    RispondiElimina
  131. Magu ma è bellissima! l'hai inventata tu? bacione

    RispondiElimina
  132. Francesca, mi hai incuriosito....ti aspetto! bacione

    RispondiElimina
  133. Andreina, una ricetta laboriosa ma appetitosa
    Grazie e buona fortuna o meglio buon appetito *_*

    RispondiElimina
  134. Zicin parole profumate, bellissima!!! Grazie e a domani

    RispondiElimina
  135. Eccomiiiiiiii, io progongo la ricetta di questi Dolcetti alle castagne realizzati appositamente per la tua iniziativa :) http://nelcuoredeisapori.blogspot.com/2011/10/dolcetti-alle-castagne.html
    Spero ti piacciano :) Buona serata cara

    RispondiElimina
  136. Francesca, hai un cuore dolcissimo peccato che dal web non si riesce ad assaggiarli
    ciao e buona fortuna!

    RispondiElimina
  137. Ciao Simo sai che mi cogli impreparata?
    Non sono affatto brava ad inventare storielle o filastrocche, soprattutto a comando, più ci penso più le idee sfuggono.
    Per quanto riguarda le ricette,poi, le castagne mi piacciono talmente tanto arrostite sul fuoco, lessate o anche semplicemente crude che non ho mai pensato di cuocerle in altro modo.
    E' un frutto che mi fa pensare ad una stagione che mi piace molto, l'autunno ma quest'anno, con questa coda dell'estate, l'autunno dov'è?
    Baci
    Rosa

    RispondiElimina
  138. Ciao Simo, Sì è mia, mi piace scrivere poesie, scusa ma nella fretta ( il tempo mi scappa via da sotto...)non mi sono nemmeno firmata. Un saluto affettuoso. Magu.

    RispondiElimina
  139. buongiorno cara ti lascio questa http://blog.giallozafferano.it/ricetteditina/muffin-con-farina-di-castagne/

    va bene anche se già postata?son buonissimi prova!

    RispondiElimina
  140. Rosa....dicono che da domani arriverà! Prepariamoci ad accoglierlo
    ciao e grazie della visita

    RispondiElimina
  141. Magu è molto bella!...ti anticipo che sei in finale
    A presto e in bocca al lupo!!!!

    RispondiElimina
  142. Tina, va benissimo e andrebbe ancora meglio se un muffin delizierebbe il mio palato
    Un abbraccio morbidoso

    RispondiElimina
  143. ...non è quella che volevo..ma quando la trovo te la farò avere.

    E' la festa delle castagne,
    belle nei ricci sulle montagne.
    Tante con la mamma ne raccoglierò, e con gli amici festa farò.

    ciaooo Vania

    RispondiElimina
  144. Io dalle elementari,ricordo questa:

    E’ liscia e ben vestita,
    è dolce e saporita;
    è un frutto di montagna,
    è la bella castagna.

    Dal mio blog,invece ho questo:

    http://lacucinadipippicalzina.blogspot.com/search/label/Muffin%20e%20pasticcini

    e questo:

    http://lacucinadipippicalzina.blogspot.com/2010/12/pollo-con-castagne-e-pere.html

    può andare??

    RispondiElimina
  145. Quando vedo castagne, i miei pensieri volano verso i boschi, le montagne.....l'autunno è arrivato, camminiamo tra foglie gialle e rosse, e ricci verdi, in mezzo ai profumi di terra, e l'anima è grata....
    (pensiero mio, poca rima, ma tanta emozione...)
    un saluto

    RispondiElimina
  146. Ok Vania e grazie del contributo. ciao e a presto

    RispondiElimina
  147. Che memoria di ferro, bella la seconda ricetta
    ciao e grazie Pippi!

    RispondiElimina
  148. Delia, quel che conta di più è liberare le proprie emozioni e tu ci sei riuscita
    Brava e arrivederci!

    RispondiElimina

un'emozione se condivisa è una gioia infinita, grazie!

Diritti d'autore

Foto e pensieri da me firmate e pubblicate sul blog sono di esclusiva proprietà dell'autore, nessun uso è consentito senza mia autorizzazione scritta.

Copyright

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Qualora provvederò ad inserire alcune immagini prese in prestito da internet e la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, comunicatemelo e saranno subito rimosse.